Linee guida formattazione

Ci sono mille modi di formattare un testo, di sottolineare un concetto, e di esprimere enfasi. A volte può essere difficile per un autore navigare tra le varie specifiche: lo scopo di queste linee guida è di fornire una lista delle scelte di formattazione che applichiamo in Alkalina, e che quindi ci piace vedere in un testo.

Nota bene: Seguire le indicazioni ci rende l'editing più facile, ma non pregiudica la qualità di un testo. I racconti vengono valutati innazitutto sul contenuto!

  • Usiamo il Garamond, dimensione 12. Potete usare altri font, ma sarebbe meglio mantenere la dimensione 12.

  • Un solo font per tutto il testo, a meno che non ci sia un motivo fortemente legato con la storia per fare altrimenti.

  • L'interlinea doppia ci aiuta a leggere.

  • Preferiamo l'uso delle caporali (« ») per marcare i dialoghi.

  • A proposito di dialoghi, è importante andare a capo in un altro paragrafo quando parla un'altra persona.

  • Il corsivo dev'essere usato per esprimere i pensieri o il monologo mentale di un personaggio. Ci sono delle eccezioni notevoli:

    • All'interno di un dialogo si può esprimere enfasi indicando con in corsivo un cambio di tono.

    • Si può separare un estratto (che sia poesia, canzone, flashback, o frammento in lingua) dal corpo del testo con il corsivo. Lo stesso effetto si potrebbe ottenere con l'allineamento centrale o a destra.

  • I nomi di opere, o i soprannomi, devono essere tra virgolette alte (" "). Lo stesso vale per le citazioni.

  • Le note a piè pagina si possono usare con estrema parsimonia. Se state valutando la possibilità di inserirle, mettetevi nei panni di un lettore e chiedetevi: "Ho davvero voglia di andare a fondo della pagina per avere quest'informazione? Ne vale la pena?"

  • Indicazioni di tempo o di luogo che non facciano parte della narrazione possono essere indicate dal grassetto. Inoltre è importante che siano separate dal corpo del testo.