Inviaci i tuoi racconti brevi

Siamo interessati a pubblicare i tuoi racconti brevi, soprattutto quelli che hai chiuso in un cassetto. Per sapere di più di quello che stiamo cercando, leggi chi siamo. Stiamo raccogliendo materiale per il terzo numero, che uscirà non prima di Gennaio 2022.

​Stiamo cercando:
  • Storie inedite di massimo 6000 parole, idealmente tra 1000 e 4500. Con inedite si intende che non siano state pubblicate da qualcun altro (pagate o in self).

  • Storie con un forte elemento speculativo. Storie che ti prendono per il colletto, ti danno uno schiaffo e ti fanno dire “ancora”. Ci interessa tutta la letteratura di “genere”: fantasy, fantascienza, horror, noir, avventura, steampunk, e tutto quello che c’è in mezzo, soprattutto quando non risponde a un’etichetta precisa.

  • Storie che avrebbero fatto storcere il naso al tuo professore di letteratura italiana.

 
Come inviare:
  • Puoi spedire il tuo racconto (in formato .doc, .docx o .odt) via mail a redazionealkalina@gmail.com .

  • Nell'oggetto della mail, scrivi “Racconto: <TITOLO>-<NUMERO DI PAROLE>-<AUTORE>”.

  • Mandaci un racconto in un font leggibile (Times, 12 px) e con interlinea doppia. Inserisci nel documento anche le tue informazioni di contatto (nome, cognome e email/telefono).

  • Inserisci nel corpo della mail una breve biografia in terza persona.

  • Leggiamo una storia alla volta. Se hai più racconti da proporci, aspetta che rispondiamo al primo.

  • Se la tua storia viene pubblicata altrove mentre noi la stiamo valutando, per favore avvisaci.

  • Non sai come formattare? Dai un'occhiata alle nostre linee guida.

 

Cerchiamo di rispondere a tutte le mail indicativamente entro 30 giorni, se possibile prima. Se non ci siamo fatti sentire entro un mese, chiedici pure di darci una svegliata.

 

 

Nel caso dovessimo rifiutare la tua storia, ci sforzeremo comunque di dire una cosa che ci è piaciuta e una cosa che per noi non funzionava. Questo non è inteso per essere un editing minuzioso, ma una cortesia verso l'autore che si vede rifiutato.

Ad Alkalina non crediamo che gli scrittori emergenti dovrebbero lavorare gratis. Ci offriamo di pagare un centesimo a parola per tutti i racconti che vogliamo pubblicare. In cambio chiediamo una licenza esclusiva di sei mesi per la pubblicazione. Tutti gli autori pubblicati inoltre riceveranno una copia digitale della rivista.